Musica e persone: classificazione impropria?

Eccomi qua con il mio primo post. Volevo parlare di musica, la fedele compagna che accompagna ed allieta le nostre giornate.
Le origini della musica moderna hanno radici molto profonde, per esempio il pop italiano odierno trae origini dal cosiddetto “Bel Canto”, ossia dalle canzoni delle prime edizioni del festival di San Remo (Domenico Modugno, Claudio Villa, ecc…) e dal rock più leggero dell’invasione britannica degli anni 60 (vedi i Beatles).
Gli anni 60 hanno lasciato un forte impatto sulla musica di adesso, soprattutto sul rock (Led Zeppelin, Rolling Sontes, ecc…), ma hanno gettato anche il tipo di persone che ascoltano una certa musica.
Questo ha portato ad una suddivisione di gente e di musica.

Si crearono sottogeneri di sottogeneri di generi musicali tendendo ad etichettare la musica, ma molto di più ad etichettare persone.
Non voglio fare il moralista perché anch’io mi sento appartenente al gruppo dei rockettari/metallari, ma (cosa importante) non lo pongo come principio della mia vita ma solo come un aspetto di me che mi piace coltivare.
Ecco un esempio di come la musica sia la colonna sonora dei nostri passi e quindi influenzi la nostra esistenza.
Ma la musica dei giovani ha bisogno davvero di tutti questi generi, di queste classificazioni?
Io personalmente credo che serva fino ad un certo punto alla musica, ma serva molto alla creazione di gruppi di giovani che trovano come cosa in comune quel genere musicale.
Ogni generazione di giovani ha bisogno di identificarsi in un gruppo che può interessare vari aspetti della vita, come ad esempio la politica, la squadra del cuore, ecc…
Vorrei dunque lasciarvi delle domande: L’etichettatura fa male? Colpisce più la musica o le persone? Ci sentiamo obbligati a seguire una corrente, uno stile?

Giulio “Morritz” Moretto – Proud to be born and still alive

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Musica, Società e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Musica e persone: classificazione impropria?

  1. pieraisgro ha detto:

    Benvenuto Jad ! Anch’io penso che scatta un diapason nella nostra anima quando ascoltiamo musica. Il concerto dei nostri sentimenti, alimentato dalle situazioni in cui ci troviamo, può trovarsi in sintonia con un ritmo, con un tono musicale che può agire sui nostri pensieri, sulle nostre emozioni, trascinandoci nella sua sfera emozionale.
    Anche il respiro ha un ritmo, il battito del cuore…i nostri passi ( come suggerisce il nostro Morritz)…per non parlare del tango argentino!

  2. bobcarr ha detto:

    @jad caro Lorenzo, benvenuto nel definitivo blog bobcarr; buon giudizio (da vero giudice) il tuo: sottoscrivo pienamente le tue opinioni anche se non ascolto metal da molto tempo; adesso, per me, è ora di tango, naturalmente argentino.

  3. Jad(Giudice lorenzo) ha detto:

    Secondo la mia opinione credo che la musica esprima direttamente le emozioni che si provano al momento…
    Che non sia la nostra etichetta ma solo una sua parte.
    Io ad esempio ascolto il metal perchè è una musica che mi fa esprimere i sentimenti di odio che a volte provo verso le persone che mi rompono solamente xk amo l’anticonformismo(poichè credo che un mondo tutto uguale sia noioso).
    A volte però mi ritrovo in situazioni in cui l’unica musica che ascolto è una lirica calma e coinvolgente che mi trascini via con i pensieri….
    Insomma, il messaggio base è che ogni persona per vivere direttamente la musica debba ascoltare quella in cui si sente rispecchiato di più.

  4. bobcarr ha detto:

    Come sempre morritz coglie aspetti essenziali delle cose. Mi piace questo post non tanto per la completezza o estensione delle informazioni riguardanti la musica moderna ma per la profondità del giudizio che coglie l’aspetto centrale del fenomeno:
    “… tendendo ad etichettare la musica, ma molto di più ad etichettare persone. …come un aspetto di me che mi piace coltivare.
    … la musica sia la colonna sonora dei nostri passi e quindi influenzi la nostra esistenza.”
    Non avevo pensato che la musica è un aspetto di noi che è bene ci piaccia coltivare.
    La colonna sonora dei nostri passi poi è poetico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...