M5.0809 Esami di stato [1]

In ascolto.

Questa voce è stata pubblicata in Esami di stato, M5, M5.0809, Matematica, Scuola e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

54 risposte a M5.0809 Esami di stato [1]

  1. bobcarr ha detto:

    caro furlan, purtroppo hai capito male, non ho dispense da suggerire e poi, sarebbe ora che tu imparassi a muoverti con le tue gambe, o no?

  2. Igor R. ha detto:

    grazie di tutto prof carrer…e grazie a tutti e a tutta la 5^A
    indimenticabili…
    prof…ora che non sembra una leccata visto che è finita…lei è davvero un grande (detta in maniera grezza)

  3. TheWOrM ha detto:

    C’è solo una parola che mi sento in dovere di gridare a Voi, che mi avete reso quello che sono, che mi avete plasmato per affrontare il selvaggio mondo che ci circonda, che mi avete fatto diventare, maturo..

    ——–>GRAZIEEEEE

    Saluti, TheWOrM 5^A

  4. pieraisgro ha detto:

    Cari ragazzi,
    quando si viaggia insieme, rimane qualcosa “dell’altro” nella valigia della nostra esistenza.
    un abbraccio finale e Buona vita!

  5. DoTTore ha detto:

    Prof, eccoci qua, dopo anni passati assieme tra i banchi, non so se dire purtroppo o per fortuna siamo usciti dall’itis. Almeno per me sono stati anni (4 🙂 ) indimenticabili che non scorderò mai, e tutto grazie a lei e agli altri proff! Grazie grazie grazie di tutto!!! Spero di restare in contatto con lei e gli altri tramite questo blog, in ogni caso la saluto, e alla prossima!!

    Damo Giovanni in arte: DoTTore

    P.s.: adesso sa anche il perchè del mio soprannome!

    • bobcarr ha detto:

      Sono contento che tu, adesso, ti senta bene, come sollevato: è la giusta sensazione da provare; spesso val la pena di cercare prove come queste giusto per la soddisfazione (purtroppo di breve durata) del dopo.

      all prossima Dottore

  6. pieraisgro ha detto:

    …sulla pellicola della nostra memoria…

  7. pieraisgro ha detto:

    Ciao Pagotten! Quando emittente e destinatario viaggiano sulla stessa lunghezza d’onde, ciò che si registra sulla pellicola della nostra memora rimane indelebile!

  8. pagotten ha detto:

    ..forse l’impennata di visite a questa pagina sarà dovuta anche a me e ad altri miei compagni dell’anno scorso..quanti ricordi..mi sono andato a rivedere le pagine di questo sito riguardanti la maturità dell’anno scorso, mi pare che sia passato un secolo, invece era solo il giugno scorso..ho rivisto anche tutta la sbornia di integrali che lei prof. carrer ci dava per prepararci all’esame di giugno..io mi chiesi, una volta finiti gli esami: “perchè ho dovuto studiare come un deficiente per parlare poi solamente 20 minuti?” e lei mi rispose “sapevo benissimo che tutti gli integrali non ti sarebbero serviti a niente”..ma purtroppo ho dovuto ricredermi. All’università mi hanno smaronato di matematica ad una potenza immensa e, rivedendo tutto ciò che l’anno scorso parevano le frontiere della matematica (integrali, equazioni differenziali…), mi sono stupito di quanto ampia (ed inutile, tuttavia) sia questa bella materia. Ci hanno imbottito di vettori, matrici, determinanti, funzioni a più variabili, integrali doppi e tripli..mi è venuto da ridere guardando i commenti che ho lasciato qui l’anno scorso dicendo che erano robe impossibili o quant’altro. Entrare in questo sito è come riaprire una valigia, che per me è ormai messa via in un angolino, sotto tre quintali di polvere. E quando la apro subentra la nostalgia, malinconia, pensieri belli ma forti, ed io, essendo debole, li lascio stare, in barba al loro destino. Oltre alla matematica, le uniche cose che ricordo dell’ITIS sono la storia e l’italiano, magari sono talmente conficcati dentro la mia testa che non si svitano neanche con lo svitol. Sarà stato tutto l’amore e la passione che ci avrà messo la prof. Isgrò nel fare il suo mestiere, o forse sarà stata la mia voglia di studiare..comunque devo dire che come classe ci siamo sfasciati tutti alla fin fine, le uniche persone che sento si contano sulle mani. C’è gente che non vediamo più dalla terza prova di giugno 2008. Non che la cosa mi crei problemi, però è anche un pò brutto. Siamo rimasti in pochi veramente uniti, ma alla fine anche se siamo pochi siamo i “mejo”. Tutti i miei compagni dell’università (bozzo, la giro, albertone) vi salutano..

  9. Barzy ha detto:

    Speriamo bene prof e speriamo che non sia um problema essere secondo.Lei in trent’anni cosa ne dice???Speriamo che non faccia domande…..La Saluto Prof.

  10. bobcarr ha detto:

    Impennata oggi delle visite al blog e, naturalmente, concentrate su questo post. Cosa vorrà dire?
    Magari tutti sono preoccupati per l’esame orale e sperano di trovare qualche dritta fondamentale che garantisca la promozione.
    Oppure, semplicemente, non riescono a tollerare l’ansia che si fa insostenibile man mano che passano le ore.
    Quale sia il caso, devo fare due osservazioni:
    1) ho già spiegato ampiamente in un post precedente quali siano gli elementi chiave per ottenere la maturità: “autoironia e coerenza/coesione”
    2) dopo più di trenta maturità posso affermare con certezza che l’ansia da esame, la paura che attanaglia lo stomaco prima di ogni prova e che si fa via via più intensa, è POSITIVA: è un’esperienza che si deve fare; sarà la prima vera paura/ansia che proverete, ma non l’ultima: perciò, la prossima volta, sarete preparati, saprete già di cosa si tratta; non importa quando e come si ripresenterà (altri esami, drammi in famiglia, problemi di lavoro, salute ecc.), sarà un’esperienza già vissuta, già provata e così l’affronterete con animo, se non altro, più sereno.

  11. pieraisgro ha detto:

    Tu…con il tuo “bagaglio” di esperienze e di conoscenze sarai il protagonista del colloquio. Sarai come una lattina di Coca Cola agitata, che esplode al momento in cui si apre!

    • Vianello ha detto:

      Bellissimo il paragone con la lattina,per essere agitato lo sarò sicuramente,spero si fare una bella esplosione!!

  12. Vianello ha detto:

    Ho preso 31 agli scritti!
    Penso sia un bene, visto alle “sorpresine” della terza prova.
    Volevo chiedere informazioni riguardo ai criteri di valutazioni degli orali, io ad esempio devo ottenere un minimo di 13 punti per essere promosso, come devo prepararmi? Ho letto che basta “sapere in generale un pò tutto”, che non verranno fatte domande nello specifico, ma verranno tratta ti argomenti mantenendosi sul generale, il candidato dovrà mostrare più una certa abilità nel colloquiare che nel sapere la tale definizione,il tale teorema,sbaglio?

  13. pieraisgro ha detto:

    Gli esami continuano…adesso concentriamoci sugli orali.
    Credete in voi stessi e trasformate la paura in risorsa. E’ il giusto ingrediente che ci permette di agire con consapevolezza. Ripassate gli argomenti con metodo e a voce alta. Costruite mappe concettuali, per memorizzare e soprattutto non contate sulla fortuna ma sullo studio.
    In bocca al lupo!!

    • Furan Riccardio ha detto:

      Salve Prof!
      sono il suo ex alunno Riccardo Furlan, sono alle prese con un esame all’università di informatica in cui devo avere delle competenze nel linguaggio C. Ricordandomi che lei ha fatto un corso specifico su queste tematiche, mi chiedevo se aveva delle dispense da darmi o dei link utili da cui scaricarle.
      La ringrazio in anticipo per la disponibilità.

      Buona fortuna con D’Ambrosio!!!:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...