Matematica? a che serve? [3]

Ancora un articolo su questo tema.

Ma d’altra parte, cosa vi aspettate da un blog come questo?

L’occasione mi arriva da questo articolo pubblicato in questo sito.

Colgo l’occasione per dire che il sito citato – emanazione dell’università di Torino –  svolge una preziosa attività di divulgazione di questioni matematiche e contiene molti contributi del Prof. Gabriele Lolli che molte volte ha ispirato anche gli insegnanti del Volterra.

Ecco alcuni estratti notevoli dall’articolo:

inizia col dire di cosa parla:

L’algebra, invece, è un altro paio di maniche. Quasi tutti i cittadini possono attraversare e attraversano la vita facendone tranquillamente a meno, una volta che sono usciti scuola. Tuttavia l’algebra è sempre più presente, si infi ltra nelle classi di terza media e un numero sempre maggiore di stati
[della federazione USA] la richiedono per la licenza superiore. Un tacito accordo richiede che tutti siano esposti a un confronto con l’algebra. Viviamo in un’era di istruzione matematica universale.

ma non è sempre stato così:

Gli antichi greci, a loro merito, diedero origine alla matematica vera e propria, ma non lo fecero per riempire classi di alunni che imparavano a dimostrare teoremi. Al loro confronto, gli antichi romani erano una nullità matematica. I sapienti arabi che iniziarono a sviluppare l’algebra dopo la caduta di Roma lo facevano per il loro piacere e non come qualcosa destinato alle masse. Quando Brahmagupta risolveva l’equazione di Pell un migliaio di anni prima che Pell nascesse non aveva in mente alcuno studente.

Quindi la “vera” matematica non è per gli studenti; ne possono fare a meno. Però, magari, oggi le cose sono cambiate:

Continuo a cercare usi dell’algebra nei vari mestieri, ma continuo a essere deluso. Per essere precisi, ho continuato a cercare finchè non mi sono convinto che di fatto non ce ne sono.

Dopo una lunga serie di esempi fasulli di problemi algebrici posti dalla vita reale e riportati nei libri di testo, conclude:

La ragione per cui i problemi tratti dalla vita quotidiana non appaiono nei libri di testo non è che gli autori difettino di energia e iniziativa: è che non ce ne sono.

E dopo altre testimonianze contro l’utilità dell’apprendimento della matematica, una prima conclusione:

La gente sembra pensare che se qualcosa coinvolge la matematica è necessario conoscere la matematica per usarla. La radio dipende in eff etti da seni e coseni ma le persone che aggiustano le manopole non hanno bisogno di trigonometria. I geologi che cercano il petrolio non devono risolvere equazioni diff erenziali, anche se le equazioni diff erenziali possono essere intervenute nella creazione degli strumenti che i geologi usano. Non voglio dire che la matematica non è mai richiesta sul luogo di lavoro. Naturalmente lo è, e ha contribuito a fare della nostra tecnologia quello che è. Tuttavia è richiesta molto, molto raramente, e non c’è bisogno di allenare milioni di studenti per far andare a vanti la baracca.

Inutile dire che la sottolineatura è mia.

E finalmente si arriva alla vera tesi di tutto il discorso:

Tutti caldeggiano l’insegnamento dell’algebra. L’opinione pubblica vuole che sia insegnata più  matematica [negli USA, aggiungo io], a un maggior numero di studenti. ..
La ragione, ne sono convinto, è che il pubblico sa, o sente, che la matematica sviluppa il potere della ragione. Essa mostra, meglio di qualsiasi altro argomento, come la ragione può condurre alla verità.

Le sottolineature sono sempre mie e, come ben sanno i miei studenti di 1C, questa è anche la mia opinione, ribadita in infiniti discorsi in classe, con la speranza che qualcosa resti.

Simpatica la conclusione dell’articolo:

… quando sarò davanti al trono del giudizio, celeste o di altro tipo, e mi sarà chiesto di giustifi care la mia vita, mi alzerò orgoglioso e dirò: “Sono stato uno dei guardiani della matematica, ed essa non ha patito sotto le mie cure”. Non dirò “Ho aiutato qualcuno a ottenere un lavoro”.

Questa voce è stata pubblicata in Filosofia, Matematica, Scuola, Società e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Matematica? a che serve? [3]

  1. bobcarr ha detto:

    Credo che il succo dell’articolo che ho commentato non fosse l’incomprensione della matematica nel mondo studentesco ma la sua INUTILITA’. Con ciò si dà – apparentemente – ragione alla pletora di studenti lamentosi che tutti i santi giorni frignano su quanto è difficile la lezione, sulla impossibilità di capire quanto si dice in classe, sulla enormità del lavoro da fare a casa e così via recriminando. Effettivamente gli studenti non capiscono che per VIVERE, la matematica è praticamente INUTILE ma per dire di non aver VISSUTO INVANO è indispensabile.

  2. Mala 4a ha detto:

    Io penso che le persone non apprezzino la matematica perchè nessuno al giorno d’oggi si sofferma per un attimo a pensare sul come il mondo funziona, sul fatto che grazie alla matematica siamo riusciti in molte scoperte scientifiche che ora fanno parte della nostra quotidianità, la gente sa che la matematica fa girare la ruota della vita, è l’artefice di un mondo fondato su leggi invalicabili ma ora come ora l’uomo va troppo di fretta, è troppo preso dalla sua quotidianità, dal vivere giornate sempre uguali. la matematica ora viene vista importante per far quadrare il bilancio economico, per conoscere l’ora guardando un orologio, per sapere la temperatura esterna, ma il conoscere la matematica per il puro gusto di capire come funziona il mondo, per sconfiggere quei limiti che essa ci impone, per mettere alla prova la nostra ragione e il nostro intelletto. ora viene vista come un peso da chi la studia e viene accettata da chi ne fa un uso perchè costretto. inutile dire che ciò è davvero frustrante ma penso che non dipenda del tutto dalla volontà dell’uomo, ma bensì dalla realtà in cui esso è costretto a vivere, una realtà che non lascia spazio (il più delle volte) per fermarsi e riflettere.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...