Guardare indietro per andare avanti.

A volte ti ritrovi, a distanza di anni, a riguardare al tuo passato, e a capire quanto tutto sia mutabile, persone ed esperienze che ti cambiano e mutano dentro, per sempre.

Mercoledì scorso, dopo 6 anni di felice stare insieme, la mia ragazza ha deciso di intraprendere una strada diversa dalla mia, perchè? Perchè il suo cuore ha deciso di unire il suo cammino a quello del mio migliore amico. 

Inutile spiegare quale dolore io abbia provato, solo chi l’ha passato può forse capire, ti poni mille domande, ti fai del male pensando che quello che per te era un dolce sogno quotidiano, ora è svanito con una doccia gelata, e ti ritrovi difronte ad un mondo che ti sembra non sarà mai più bello. Sembra di aver perso tutto, ma non è così. Dopo quanto accaduto, ho riscoperto un valore che si era assopito a causa del mio vivere per colei che amavo, l’amicizia. Sentire un abbraccio così immediato, così intenso , da parte di persone che non vedevo anche da anni (per colpa mia) mi ha rincuorato in un modo inimmaginabile. La sera di due giorni fa stavo seduto nel lungomare di Caorle con qualche amico, cercando conforto, poi ad un certo punto un blackout ha spento ogni singola luce del paese, mentre i miei amici si lamentavano della situazione, io ho guardato in alto, “ragazzi, guardate”, si sono ammutoliti in un istante, lo spettacolo della volta celeste ci ha tolto il respiro, ogni pensiero era diventato minuscolo, ci siamo sentiti così piccoli e meravigliati, ed ogni dolore si era assopito. Poi abbiamo iniziato veramente a parlare, quanti amici hanno sofferto ed io non c’ero per loro! Però, appena li ho chiamati, si sono subito fatti avanti, questa è amicizia.

Quello che ho capito, è che ogni cosa accade per un motivo, e siamo troppo piccoli per pensare che tutto finisca per un amore non più corrisposto o per qualche altro tipo di delusione. Il mondo va avanti, e noi non possiamo permetterci di ancorarci al passato, perchè sennò non vivremo più.

Quello che ho fatto  io? Per quanto presto sia, ho  parlato con la mia ex (ammetto, mi ha fatto male scrivere “ex”) e le ho detto che è stata la persona più importante della mia vita, che le vorrò sempre bene e che per lei ci sarò sempre, ma ora devo andare avanti, seguire quei sogni che sono sempre stati li, a brillare sopra la mia testa. 

Quel che mi sento di consigliare a chi, come me, sta vivendo o vivrà questo enorme dolore è: vivi, guardati pure indietro e, se sentirai di aver sbagliato, renditi conto e convinciti che non farai più quell’errore, se riterrai di aver fatto tutto giusto (cosa che accade di rado) allora “semplicemente” la tua storia è scritta affinchè ti porti da altre parti. Nulla è definitivo, tranne la morte, non si può mai sapere quali altre gioie e dolori riserverà il futuro. Magari un giorno tornerò assieme a lei, magari un giorno sarò io a dirle di no, magari un giorno saremo a cena con le nostre famiglie e i nostri figli a ridere sopra a questa cosa, non lo so.  So solo che devo andare avanti, nonostante il dolore.

A volte ti ritrovi, a distanza di anni, a riguardare al tuo passato, rendendoti conto che tutto ciò che hai fatto, tutte le scelte che hai compiuto, ti hanno reso quello che sei, e io sono fiero della persona che sono diventato.

 

 

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Generale. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Guardare indietro per andare avanti.

  1. matteoale94 ha detto:

    In questi momenti è veramente dura proseguire dopo una delusione così. Nella mia poca esperienza, purtroppo so cosa significhi. Una cosa è certa: come tu hai scritto (chiedo scusa per il “tu” confidenziale), bisogna guardare immediatamente avanti, dopo una veloce analisi del passato. Ma il passato ormai non c’è più, bisogna ancorarsi alle cose presenti, ai sentimenti che ci sono e ci saranno per sempre (la famiglia, le vere amicizie, …). Mi associo comunque a quanto detto dal prof. Carrer: ogni commento sarebbe inopportuno. Ho voluto portare la mia esperienza. Forza e coraggio!

  2. bobcarr ha detto:

    Caro Umberto é sempre un piacere risentirti anche se una sola volta l’anno. Bell’articolo ma i tuoi sono sempre stati articoli importanti e densi. Inutile dire che ogni commento sarebbe inopportuno però mi permetto di essere contento che tu abbia scelto questo luogo per le tue riflessioni. Inutile dire che i miei lettori migliori le troveranno stimolanti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...